NUOVA ONDA DI REPRESSIONE CONTRO PRIGIONIERI E PRIGIONIERI POLITICI IN IRAN – degli anarchici di Iran e Afghanistan

Sabato 17 agosto 2019
Giornata internazionale della solidarietà con Soheil ARABI

Libertà per Soheil ARABI, sua madre e per tutti i prigionieri politici e prigioneri da coscienza in Iran! !

#FreeSoheil

==================

Neda NAJI è una studentessa che lotta per i diritti dei lavoratori e un’attrice. Ha in particolare interpretato il ruolo dell’anarchica russa Valentina in un film biografico dedicato alla vita dell’anarchica Emma Goldman. Il 1 ° maggio 2019, mentre partecipava a una manifestazione per i lavoratori con lei, è stata arrestata con altre 50 persone (tra cui Marzieh AMIRI , Anisha ASADOLLAHI e Atefeh RANGRIZ). Da allora, come altre compagne, viene trattenuta dalle forze di sicurezza della Repubblica islamica dell’Iran nella triste prigione di Qarchak (nota anche come Shahr-e Rey) ad est di Teheran. —- Secondo un altro detenuto (non politico), Neda NAJI e Atefeh RANGRIZ sono stati picchiati il 6 luglio 2019 per essersi rifiutati di indossare il velo islamico (chador / hijab). Come risultato di questo violento attacco, Neda fu gravemente ferito alla testa e agli occhi e Atefeh fu ferito alla spalla e alle gambe. Inizialmente furono trasferiti al servizio sanitario della prigione ma furono rimessi nelle loro celle senza cure adeguate. Jamal AMELI, il marito di Neda NAJI, ha scritto sul suo account Twitter: « I funzionari della prigione di Evin non rispondono alle domande della famiglia di Neda NAJI sulla sua condizione. Neda e Atefeh sono in pericolo nella prigione di Qarchak e nessuno sente le nostre voci.  »

Sabato 17 agosto 2019
Giornata internazionale della solidarietà con Soheil ARABI

Libertà per Soheil ARABI, sua madre e per tutti i prigionieri politici e prigioneri da coscienza in Iran! !

#FreeSoheil

==================

Neda NAJI è una studentessa che lotta per i diritti dei lavoratori e un’attrice. Ha in particolare interpretato il ruolo dell’anarchica russa Valentina in un film biografico dedicato alla vita dell’anarchica Emma Goldman. Il 1 ° maggio 2019, mentre partecipava a una manifestazione per i lavoratori con lei, è stata arrestata con altre 50 persone (tra cui Marzieh AMIRI , Anisha ASADOLLAHI e Atefeh RANGRIZ). Da allora, come altre compagne, viene trattenuta dalle forze di sicurezza della Repubblica islamica dell’Iran nella triste prigione di Qarchak (nota anche come Shahr-e Rey) ad est di Teheran. —- Secondo un altro detenuto (non politico), Neda NAJI e Atefeh RANGRIZ sono stati picchiati il 6 luglio 2019 per essersi rifiutati di indossare il velo islamico (chador / hijab). Come risultato di questo violento attacco, Neda fu gravemente ferito alla testa e agli occhi e Atefeh fu ferito alla spalla e alle gambe. Inizialmente furono trasferiti al servizio sanitario della prigione ma furono rimessi nelle loro celle senza cure adeguate. Jamal AMELI, il marito di Neda NAJI, ha scritto sul suo account Twitter: « I funzionari della prigione di Evin non rispondono alle domande della famiglia di Neda NAJI sulla sua condizione. Neda e Atefeh sono in pericolo nella prigione di Qarchak e nessuno sente le nostre voci. « 

Inoltre, molte altre persone, tra cui Amir Amirgholi, Amir Hossein Mohammadifard e Sanaz Allahiry, che hanno coperto le notizie delle lotte dei lavoratori iraniani (tra cui la fabbrica di zucchero di Haft Tappeh Sugar Cane e la acciaieria Ahvaz), furono anche incarcerati. Tutti e tre hanno iniziato uno sciopero della fame il 4 luglio 2019.
Esmail BAKHASHI, segretario della Haft Tappeh Workers ‘Union nella provincia sud-occidentale del Khuzestan, che era stato rilasciato dopo essere stato brutalmente torturato è stato nuovamente arrestato tre settimane dopo la sua liberazione per aver pubblicato una storia della tortura subita in prigione. È entrato in prigione Sepideh GHOLIAN, il giornalista studente che aveva coperto le proteste degli operai della Haft Tappeh.

Finalmente il nostro compagno Soheil Arabi, un blogger di 34 anni, prigioniero politico anarco-sindacalista, è ancora in prigione, così come sua madre, che è stata arrestata il 22 luglio e detenuta in incommunicado per tentare di intimidirla mentre protestava. in silenzio per strada per diversi mesi alla maniera delle madri di la Piazza di Maio in Argentina.

Se desideri esprimere la tua solidarietà, puoi contattarci tramite messaggio privato.

(secondo una dichiarazione degli anarchici di Iran e Afghanistan)

============

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *